Il presidente Mangini e il Consiglio Direttivo del CRT: lettera aperta a tutte le Società

A tutti i Presidenti delle Società calcistiche della Toscana

Cari amici,

stiamo vivendo un momento difficile per il nostro paese, un’emergenza che ha colpito pesantemente tutti i settori della nostra società e della nostra economia, che ha cambiato le nostre abitudini, le nostre relazioni, i nostri interessi, in altre parole il nostro modo di vivere e, per noi, anche il rapporto quotidiano con le nostre società sportive, con i calciatori e i dirigenti, con gli impegni agonistici.

Un periodo, questo, in cui all’apprensione per la propria famiglia, per la propria  attività lavorativa e professionale, si aggiunge la preoccupazione per l’attività sportiva presente e soprattutto l’incertezza per  quella futura.

Mai avrei immaginato, solo fino a 15 giorni fa, di trovarmi in una domenica pomeriggio di una bellissima giornata di sole a dovervi scrivere invece che essere spettatore di una delle tante partite dei nostri campionati.

Ho ritenuto, pertanto, opportuno condividere con tutti voi, insieme al Consiglio Direttivo del Comitato Regionale, alcune informazioni e iniziative che, a seguito dell’emergenza dovuta al Coronavirus, sono state intraprese a sostegno dell’attività dilettantistica.

In occasione del Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti che si è svolto in video conferenza il 9 marzo scorso, ho chiesto al Presidente Sibilia che la Lega, in analogia con quanto il Governo ha prospettato per altri settori produttivi, predisponga per la prossima stagione sportiva un intervento forte che riguardi in particolare i costi federali o altre forme di contributi. Come Comitato faremo comunque la nostra parte, come sempre, in aggiunta a quella della Lega.

In questi ultimi due giorni, insieme al Consiglio Direttivo, ho stimolato, sostenuto e condiviso due importanti iniziative:

  1. a) la prima, promossa dal Presidente della Commissione Sport del Comune di Firenze, Fabio Giorgetti, relativa ad una risoluzione da far approvare al Consiglio Comunale di Firenze e da inoltrare al Parlamento italiano, relativa alla sospensione dei mutui, alla creazione di un tavolo di contrattazione con i grandi gestori dei servizi (Acqua, Luce, Gas) per la rateizzazione e revisione dei vari contratti;                 
  2. b) la seconda, promossa dal Consiglio Regionale del CONI della Toscana (di cui faccio parte insieme al vicepresidente del nostro Comitato Massimo Taiti) attraverso il Presidente Sanzo e relativa a misure di sostegno a favore del mondo sportivo (sospensione pagamento utenze, dei mutui, supporto economico..), da presentare alla Giunta della Regione Toscana.

Il ministro dello Sport Spadafora, inoltre, in un’intervista del 12 marzo scorso, ha fatto riferimento esplicito a misure di sostegno al mondo dilettantistico, indicando anche la presenza di un fondo specifico già finanziato per tali interventi.

Sono convinto che tutti i destinatari delle richieste citate, siano consapevoli dell’importante e fondamentale ruolo rappresentato dalle nostre Società per quanto attiene la dimensione sociale, formativa, economica e, seppur in un momento difficile come quello che stiamo vivendo, dovranno salvaguardare questo enorme patrimonio.

Sarà mia cura aggiornarvi di ogni iniziativa e atto concreto e rimango in attesa di vostri eventuali preziosi suggerimenti da uomini di sport.

Siamo in una situazione generale molto difficile, dove i comportamenti individuali e collettivi sono fondamentali per contrastare l’espandersi del virus. Mi appello al senso di responsabilità di ognuno e sono convinto che i sacrifici che oggi facciamo contribuiranno ad uscire da questa difficile situazione, pronti, se le condizioni lo permetteranno, a ripartire e portare a termine l’attività.

 Ce la faremo.

Un abbraccio e un caro saluto a tutti.

Il Presidente Paolo Mangini a nome di tutto il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale Toscana