Il calcio dilettanti protagonista del Premio Nazionale Nereo Rocco

Federico Chiesa che ha mosso i primi passi calcistici nelle Settignanese, Leonardo Semplici che ha iniziato ad allenare sulle panchine di Eccellenza del Sangimignano e del Figline, Francesco Franchi che è vicepresidente della LND, la squadra del Grassina: parla fiorentino e il linguaggio del calcio dilettanti il 39° Premio nazionale Nereo Rocco. E il 2 settembre, dopo il famoso torneo internazionale riservato agli Allievi, saranno questi i personaggi, oltre a molti altri campioni del calcio,  che al Museo del calcio riceveranno  gli ambiti riconoscimenti come una giuria di giornalisti e addetti ai lavori ha votato. Una giuria composta tra gli altri dal direttore del Centro Tecnico di Coverciano Maurizio Francini,dal presidente el Museo del calcio Fino Fini, dal consigliere regionale del CRT Brogi, da segretario del CRT Falciani, dal delegato provinciale per Firenze del CRT Bellocci, dal presidente regionale AIac Casini, da quello provinciale Calamai, da quello del Cra fiorentino Matteini, dal vicepresidente della Settignanese Fani oltre che da tecnici, dirigenti di società dilettantistiche e professionistiche.

Dopo una breve presentazione dei candidati al premio, presentazione a cura di Ferruccio Valcareggi e Maurizio Romei presidente della Settignanese sono stati votati: Federico Chiesa come vincitore del premio Nereo Rocco per lo sport, Marco Civoli per il Nereo Rocco per il giornalismo sportivo, Leonardo Semplici per il Nereo Rocco come personaggio emergente. Poi a Francesco Franchi sarà conferito il premio per lo “Sport nella Città di Firenze”, al Grassina neo promosso in serie D il premio speciale della Settignanese, a Giuseppe Bergomi il premio alla carriera, ad Armando Colotta e Roberto Mercuri il Diavolo d’Argento, a Mirko Borghi il premio Nereo Rocco all’arbitro di sicura affidabilità.